Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
primi sui motori con e-max

Se siete in vacanza a Bormio e vi apprestate a fare una piacevole passeggiata nel centro cittadino non perdetevi la Chiesa di Santo Spirito in Bormio.

1__1_.jpg

Situata quasi all’ingresso dell’isola pedonale,la Chiesa di Santo Spirito in Bormio, sobria e semplice all’esterno, passa quasi inosservata per le sue piccole dimensioni ma merita una visita per la ricchezza che custodisce all’interno. La Chiesa di Santo Spirito in Bormio pare che sia stata fondata nell’XI sec.

2__1_.jpg

Ha una semplice pianta irregolaree abside a semicerchio. Le pitture absidali furono dipinte da Aloisio Sermondi nel 1475, le pareti laterali della Chiesa di Santo Spirito in Bormio sono opera dell’artista Bortolino de Buri, attivo a Bormio nella seconda metà del 400.

3__1_.jpg

La volta completamente affrescata è riconducibile agli inizi del 500 ed è attribuibile ad artista Valtellinese forse della cerchia di Cipriano Valorsa. Il recente restauro della Chiesa di Santo Spirito in Bormio non ha esaltato solamente le raffigurazioni ed i colori della chiesetta, ma ci ha pure tramandato delle curiose scritte graffite sopra gli affreschi: queste si riferiscono ad importanti personaggi bormiesi vissuti nei secoli scorsi come Nicolino de Zenonibuis, che visse nel 400 e fu grande amico di Ludovico il Moro, e Bernardo Marioli, che visse nel XVII sec. Terminata la visita alla Chiesa di Santo Spirito in Bormio gustatevi una fetta di torta con le castegne al Cafè Mozart accompagnati da sottofondo musicale classico o jazz.