Italian English French German Portuguese Russian Spanish
Un incantevole soggiorno in Sicilia: sole, mare e paesaggi naturali - 4.0 out of 5 based on 3 votes

siciliaQuando decidi una meta pensi sempre alla stagione migliore, ma quando scegli la Sicilia, le temperature non hanno importanza. Sole, mare e paesaggi sono ingredienti naturali di un’isola che lascia il segno in ogni sua stagione. Primavera, inverno, poco importa. Il sole riscalderà sempre questa terra ed i suoi fantastici paesaggi non hanno bisogno di un giorno preciso per essere visitati. Puoi decidere di fare una vacanza al mare in Estate nei mesi più caldi di Luglio ed Agosto, oppure di prendere il sole a Maggio e a Settembre. Per un’escursione sull’Etna non è necessaria la neve, quella arriva solo nei mesi più freddi, a Gennaio ed a Febbraio per esempio.

 

In Sicilia non ci si annoia mai. Lavoro, scuola e passeggiate. Lunghe passeggiate nel centro storico di Catania o di Palermo, nel lungomare osservando i pescatori che calano la rete per tornare dopo a prendere i loro pesci.

Leggi tutto...

1280px-2009-03-22 03-29 Sizilien 551 AetnaCosa vedere in Sicilia: Ecco la classifica TOP 20 dei luoghi da non perdere stilata sulla base dei consigli degli oltre 300.000 fan delle Vacanze in Sicilia, attraverso la pagina Facebook/IsulaSicilia

Abbiamo chiesto ai nostri fan di segnalarci i posti che li hanno colpiti di più durante le loro vacanze in Sicilia ed analizzando i risultati ottenuti abbiamo stilato una classifica con lo scopo di fornire delle valide indicazioni a chi sta pensando ad un Tour in Sicilia.

Ecco i 20 luoghi da non perdere assolutamente!

1) TAORMINA, la meta turistica più conosciuta della Sicilia;

2) SIRACUSA, città riconosciuta Patrimonio Mondiale dell'Umanità dall'UNESCO;

3) ERICE e TRAPANI, situate nella parte occidentale dell'isola;

4) PALERMO, città capitale della regione e la sua località balneare, MONDELLO

5) Il sito archeologico della VALLE DEI TEMPLI (Patrimonio Mondiale dell'Umanità UNESCO), e la SCALA DEI TURCHI, una spettacolare scogliera di colore bianco nei pressi di Realmonte.

6) L'ETNA (Patrimonio Mondiale dell'Umanità UNESCO), il vulcano attivo più grande d'Europa; 

7) RAGUSA IBLA, MODICA e SCICLI, riconosciute Patrimonio Mondiale dell'Umanità UNESCO per lo stile tardo-barocco;

8) CEFALU', uno delle maggiori località balneari della Sicilia;

9) Il triangolo della Sicilia sud-orientale: NOTO (Patrimonio Mondiale dell'Umanità UNESCO), la Riserva Naturale di VENDICARI e MARZAMEMI.

Leggi tutto...

Palermo: cosa fare e cosa vedere nel capoluogo siciliano - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Venire in Sicilia vuol dire immergersi fin da subito in una sorprendente atmosfera di colori, vitalità e passione tipica di un popolo che accoglie il visitatore incantandolo fin dai primi istanti di soggiorno sull'isola. Il capoluogo della Sicilia concentra in sé tutti questi aspetti ed è per questo che la città è una delle mete imperdibili del vostro viaggio in Sicilia. Arrivare a Palermo è abbastanza semplice data la presenza di un aeroporto, Falcone-Borsellino a Punta Raisi, distante dalla città solo 30 chilometri e che collega con i principali aeroporti nazionali e internazionali.

Negli anni Palermo ha attraversato fasi di mutamento finalizzate al ripristino del suo antico splendore. La città, dopo anni di dominazione araba e normanna regala ai turisti un numero elevato di palazzi storici, chiese e fontane da visitare. Prima di iniziare il giro della città sarebbe opportuno scegliere con un certo anticipo l'hotel dove alloggiare. Dormire non è un problema, i b&b della città di Palermo and breakfast più vicino alle vostre esigenze. Il tour della città di Palermo non può certo esaurirsi in pochi giorni ma per coloro che hanno poco tempo a disposizione il consiglio è di focalizzare l'attenzione su alcuni luoghi fondamentali per conoscere la città. Il centro della città, geograficamente parlando, è rappresentato da Piazza Pretoria, famosa per le sue state di nudo, ma il cuore vero di Palermo, è rappresentato dalla Piazza dei Quattro Canti, attraversata da Corso Vittorio Emanuele e da Via Maqueda, che dividono la città idealmente in quattro aree. A breve distanza da qui troviamo il Palazzo dei Normanni, oggi sede del parlamento siciliano, costruito su una precedente costruzione di origine araba, la cui presenza in città fu tale da influenzare notevolmente la cultura del suo popolo. All'interno del Palazzo dei Normanni è possibile ammirare la Cappella Palatina e i suoi splendidi mosaici.

Leggi tutto...

L'isola di Salina – Un mare da mille e una scoperta - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Delle diverse isole italiane, quella di Salina in Sicilia presenta diverse peculiarità. Si può parlare del suo essere “isola verde”, ricca di una natura rigogliosa e vera. Si può parlare della sua enogastronomia, con una tradizione familiare secolare ma anche ristoranti stellati Michelin.

Quello che vogliamo proporre oggi ai lettori è un itinerario di Salina diverso dai soliti schemi. Un'escursione via mare che piacerà a chi ha esperienza nelle immersioni.

Ci dirigiamo verso la Secca del Capo, tra Salina e Panarea.

Questa località prende il nome e la definizione dalla zona rocciosa che vi si trova, che sale verso la superficie e da qui è visibile in alcuni punti. Come nella migliore tradizione di mare, anche sull'isola di Salina i riferimenti sono quelli dei pescatori, conoscitori ancestrali del territorio: per raggiungere la Secca del Capo

 

il Faraglione di Pollara deve apparire nel buco di Punta Perciato, il Monte Rosa deve essere tutt'uno con Punta Castagna e lo Scoglio della Nave deve formare una V con Panarea- fare canalicchio in gergo locale - senza essere completamente distaccato dalle pendici dell'isola.

 

 

Una volta raggiunta la Secca, per ammirarla scendete in acqua a un massimo di 50 metri di profondità. Il fondale è costituito da grandi massi, che nascondono pesci di tana ma anche altre specie marine. L'isola di Salina presenta, in questo senso, un mare da vivere perché ricco di fauna quale polpi, spugne, dentici, aragoste; persino barracuda e delfini.

 

 

A fine escursione, potete approfittare delle calette dove ancorarvi per un altro bagno.

Uno dei tanti, perché l'isola di Salina vi farà innamorare e ritornare nelle sue acque ancora per molti anni a venire.

Per scoprire altri itinerari, non solo marini ma anche archeologici e naturalistici, potete visitare www.lovesalina.it.

Visitor counter, Heat Map, Conversion tracking, Search Rank






Italia Itinerari - La migliore risorsa per i tuoi viaggi

Naviga sul sito e pubblica i tuoi Itinerari. Cerca la migliore meta per le tue vacanze. Se vuoi scoprire di più su ItaliaItinerari.it naviga nella sezione "Come Funziona"